Parità dei sessi? Bisogna scegliere la strada giusta.

Il 14 giugno del 1991 si è svolto il primo sciopero nazionale delle donne in Svizzera: mezzo milione di donne hanno scioperato per dimostrare che “se le donne vogliono, tutto si ferma” e per rivendicare una legge che stabilisse la parità dei sessi. Nel 1995 questa conquista è stata ottenuta, ma è purtroppo solo uno dei tanti passi che la società deve ancora fare per ottenere la vera parità tra i sessi. Nello sciopero del 14 giugno 2019 le donne vogliono lottare affinché la legge che stabilisce la parità dei sessi sia effettivamente rispettata e applicata in tutti gli ambiti della vita. Purtroppo, le disparità tra i sessi sono ancora molto evidenti: dalla scuola, al posto di lavoro fino alla non meno importante gestione della casa e della famiglia.

Per far sì che il cambiamento ci sia in tutti gli ambiti della vita, come anche nella coscienza delle persone, bisogna partire dalla radice del percorso di vita dei cittadini ed è perciò importante considerare la scuola e l’educazione come dei campi di lotta. Per questo motivo la presenza studentesca all’interno di questa importante mobilitazione delle donne è essenziale: le studentesse e gli studenti devono essere in prima linea per rivendicare misure concrete che vadano a sradicare dalla società e dall’educazione la mentalità patriarcale ancora molto forte e figlia di un contesto culturale che mercifica la donna.

Al giorno d’oggi l’educazione di genere non viene trattata adeguatamente nella scuola: è quindi ora indispensabile l’inserimento interdisciplinare di questa tematica per lottare contro la cultura sessista e gli stereotipi che vigono ancora nella nostra società. Infatti, nell’opinione comune emerge troppo spesso lo stereotipo secondo cui determinate capacità intellettuali sarebbero legate a un sesso: questo pensiero intralcia il percorso di quelle donne che scelgono uno studio tendenzialmente maschilizzato. Affinché questo stereotipo svanisca, nei programmi scolastici devono essere inserite anche le numerose figure femminili che hanno fatto la storia e che meritano di essere studiate per il loro contributo umanistico e scientifico apportato alla società.

Un altro aspetto centrale è quello del sessismo nelle scuole e nella vita comune, il quale è tuttora una realtà quotidiana: per progredire in tal senso è necessario dare reale seguito alla proposta avanzata dal SISA già nell’autunno del 2017, con cui si chiedeva l’inserimento di un mediatore indipendente all’interno delle scuole superiori. Questa figura permetterebbe alle ragazze, vittime di commenti sessisti e di differenze di trattamento all’interno della scuola, di segnalare un abuso da parte di un docente senza avere ripercussioni sul proprio percorso scolastico, così come di prevenire eventuali situazioni problematiche. Il DECS, a seguito dello scandalo avvenuto al liceo di Bellinzona, ha fatto un timido passo in avanti, introducendo la figura del mediatore, che è però anche parte del corpo docente. Tutto ciò è ancora insufficiente, in quanto questo tipo di sostegno e servizio dev’essere offerto da una parte indipendente che non ha interessi nel difendere un collega e l’immagine dell’istituto, altrimenti il potenziale di questa figura perde la sua ragione d’essere.

Infine, la mentalità sessista e patriarcale influenza fortemente anche la sfera sessuale delle ragazze: a scuola si dovrebbe trattare il tema dell’educazione sessuale con più libertà e senza distinzione tra i sessi, approfondendo i vari aspetti del tema come il nostro corpo, il piacere e la diversità.

Tutte queste lacune nel percorso scolastico trasmettono ai giovani messaggi e valori ancora influenzati dalla mentalità patriarcale e sessista, le quali acuiscono le disparità tra i sessi che al giorno d’oggi diventano ancora più evidenti, soprattutto nel mondo lavorativo.
È inconcepibile che al giorno d’oggi le donne, a parità di titolo di studio, continuino ad avere un salario dal 14% al 40% inferiore rispetto a quello degli uomini: uomini e donne devono avere diritto allo stesso salario a parità di diploma!

Per concludere invito tutta la popolazione a non seguire le discutibili paladine del femminismo mainstream: dobbiamo ricordarci che le ingiustizie tra uomo e donna sono un prodotto del sistema produttivo vigente, il quale nel corso della sua storia non ha fatto che riprodurre una cultura basata sulla supremazia maschile. Si rende perciò necessario per le donne lottare con tutte le fasce della popolazione che sono vittime dei soprusi e delle ingiustizie perpetrate dal sistema economico attuale: per riuscire ad ottenere un’uguaglianza di genere bisogna prima conquistare i diritti sociali che stabiliscono una vera uguaglianza sociale!

Lea Schertenleib


Questo articolo è apparso nel 6° numero de L’Altrascuola, pubblicato nel mese di marzo del 2019 (leggi qui l’intero giornale).


 

La lotta paga. Ora continuiamo a lottare: salviamo il clima, pretendiamo la parità!

La lotta paga. Punto e a capo. La vittoria ottenuta dal SISA lo scorso novembre, quando il governo cantonale ha approvato l’innalzamento da 16’000 a 18’000 CHF del tetto massimo per le borse di studio, è la vittoria di tutte le studentesse e tutti gli studenti che hanno lottato negli ultimi mesi contro i tagli alla scuola, per un vero diritto allo studio. Dopo le prime misure di aprile (quando la restituzione allo Stato delle borse per il master era stata ridotta da un terzo a un decimo della somma ricevuta), questo nuovo intervento dimostra come firmare una petizione, partecipare a una manifestazione o entrare nel sindacato studentesco non siano delle azioni un po’ “ribelli”, ma siano invece l’unico modo per ottenere dei risultati concreti e tangibili in favore dei nostri diritti.

Se “l’autunno caldo” evocato nell’ultimo editoriale c’è stato solo in parte, l’inverno invece è stato decisamente più torrido: sia da un punto di vista termometrico, sia da quello della mobilitazione studentesca. Le due cose vanno di pari passo: le oltre 1500 persone presenti a Bellinzona il 2 febbraio sono infatti scese in piazza per rivendicare degli interventi più decisi contro il riscaldamento climatico, promuovendo delle rivendicazioni concrete e immediatamente attuabili (trasporti pubblici gratuiti, tassazione delle imprese commisurata all’inquinamento, trasferimento del traffico merci su rotaia, ecc.).

Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi ci aspettano ancora importanti mobilitazioni: con lo sciopero del clima del 15 marzo proseguirà la lotta in favore di politiche ambientali più coraggiose, mentre lo sciopero delle donne del 14 giugno sarà il momento per tornare a rivendicare una vera parità di genere. In questo numero approfondiremo le ragioni di queste lotte, con l’appello a continuare la mobilitazione: come abbiamo detto, la lotta paga e solo costruendo un movimento di contestazione ampio e diffuso potremo riuscire a ottenere dei risultati!

Redazione


Questo articolo è apparso nel 6° numero de L’Altrascuola, pubblicato nel mese di marzo del 2019 (leggi qui l’intero giornale).


 

Borse di studio: oltre al danno, la beffa!

Il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA) ha preso atto con grande delusione, e anche con una certa rabbia, della decisione odierna della commissione scolastica di rinviare nuovamente il dibattito sul rafforzamento degli aiuti allo studio. Con questa decisione, il Gran Consiglio non potrà pronunciarsi in tempo utile per permettere agli studenti ticinesi e alle loro famiglie di beneficiare di un maggior sostegno a partire dal prossimo anno scolastico: si tratta di una scelta vergognosa e che non esitiamo a definire anche codarda.

Sì, codarda, perché l’ormai nota petizione promossa dal SISA e corredata da oltre 2200 firme giace sui banchi della commissione da ormai quasi un anno, eppure in tutto questo tempo “non si è ancora riusciti a trovare il tempo di fare gli approfondimenti necessari” a riparare il danno causato dai tagli degli ultimi anni. Ricordiamo che, a seguito delle misure di risparmio in questo ambito, le richieste accolte dall’Ufficio degli aiuti allo studio diminuirono di un quarto, mentre lo Stato riuscì a tagliare ben 5 milioni per questa spesa (soldi tutt’altro che “risparmiati”, dato che furono semplicemente accollati alle famiglie dei ceti medio-bassi). Solo la pressione esercitata dagli studenti aveva permesso di ottenere dei primi miglioramenti da parte del governo, mentre dal parlamento si attendeva ancora la decisione riguardo l’innalzamento del tetto massimo delle borse di studio, fermo da anni a 16’000 CHF mentre l’Ufficio federale di statistica stima un fabbisogno medio di 25’000 CHF.

In poche parole: oltre al danno, la beffa! Dopo aver tagliato ovunque possibile negli aiuti sociali e nel servizio pubblico (istruzione compresa), ora i deputati di PLR, PPD e Lega non hanno nemmeno il coraggio di dire pubblicamente di essere contrari ad un rafforzamento delle borse di studio, rinviando il dibattito ad un meno burrascoso periodo post-elettorale. Che dire? Le manovre elettorali dei partiti borghesi sembrano valere di più del diritto allo studio delle nuove generazioni, costrette ad aspettare in un angolo che i politicanti di turno decidano della loro sorte.

Seven25 anziché Binario 7: che non sia l’ennesimo fardello sulle spalle degli studenti!

Il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA) ha preso atto con cauto interesse la proposta delle FFS mirata a migliorare il trasporto pubblico rivolto ai giovani. Benché da un lato si vogliano integrare le zone urbane, andando di fatto ad estendere la validità dell’abbonamento offerto, non è ancora chiaro quali siano le strategie delle FFS riguardo a questo cambiamento e se lo stesso comporterà un aumento dei costi.

Nel corso degli ultimi anni le FFS si sono distinte per il peggioramento del servizio offerto, frutto di una logica puramente aziendale che non tiene conto del servizio che deve rendere alla popolazione. Colpiti dai disservizi dell’ex regia federale ci sono stati anche i giovani studenti d’Oltralpe, che con l’apertura di Alptransit si sono visti sopprimere il treno delle 19.10, uno dei più sollecitati dalla popolazione studentesca. Infatti i treni domenicali dopo le 19.00 peccano di un problema strutturale: l’offerta in quella fascia oraria è insufficiente per permettere ai giovani di viaggiare tranquillamente, siccome spesso e volentieri i convogli sono affollati a tal punto da rendere impossibile un servizio decente. Fortunatamente le FFS, a seguito di una petizione lanciata dal sindacato, hanno ritrattato la loro decisione.

Sorprende perciò questa attenzione particolare verso i giovani da parte delle FFS, che quale tuttavia fanno sapere per nota stampa che “il prezzo dell’abbonamento Seven25 non è ancora stato deciso e verrà discusso nel corso delle prossime settimane”, lasciando aperte le porte all’aumento dei costi di trasporto per gli studenti e le famiglie. Famiglie che nel corso degli scorsi anni si sono viste aumentare il carico finanziario legato alla formazione a causa dell’incremento delle rette universitarie e alla diminuzione del reddito disponibile provocato dell’innalzamento dei costi della vita. D’altra parte, l’attuale abbonamento Binario 7 non è purtroppo utilizzabile da tutte le persone in formazione, dal momento che può essere ottenuto solo fino ai 25 anni di età: oltre questa soglia, si è costretti a pagare le esorbitanti tariffe stabilite per i passeggeri adulti (poco importa se gli studenti non percepiscono un reddito come la maggioranza degli altri utenti…).

Il SISA rivendica da anni e continua a rivendicare la gratuità dei trasporti pubblici per i giovani in formazione, recentemente rilanciata dalla petizione formulata dal coordinamento cantonale per lo sciopero del clima, e in questa situazione rimarrà vigile fino alle prossime indicazioni delle ferrovie federali. Nel caso in cui l’introduzione del nuovo abbonamento Seven25 dovesse trasformarsi nell’ennesima occasione per fare cassa sulle spalle degli studenti, non mancheremo di far sentire la nostra voce per rivendicare un vero diritto alla mobilità per tutte le studentesse e tutti gli studenti.

Trasporti pubblici gratuiti e scuole ecosostenibili: il SISA in lotta per il clima!

Il Sindacato Indipendente Studenti e Apprendisti (SISA) sta osservando con interesse lo sviluppo degli “scioperi per il clima” (Klimastreik) in Svizzera tedesca e francese. Il movimento giovanile rivendica delle politiche più incisive a difesa del clima. Da diverso tempo il sindacato studentesco si china pure su questioni ecologiche e climatiche.

Il SISA continua a rivendicare – sinora inascoltato, se non da poche forze politiche – la gratuità dei trasporti pubblici per studenti e apprendisti. Questo non solo nell’ottica di un migliore servizio a vantaggio dei e delle giovani in formazione, ma pure con l’intento di ridurre le emissioni di un cantone automobile-dipendente e di educare le nuove generazioni all’utilizzo del trasporto pubblico.

Una parziale vittoria del movimento sindacale è stata l’introduzione di un “masterplan sull’edilizia scolastica”, da noi rivendicato fin dal 2012. Delle strutture scolastiche moderne migliorano le condizioni di apprendimento e la sicurezza per studentesse, studenti, apprendiste e apprendisti. Ma soprattutto gli investimenti del DECS nel settore degli stabili scolastici dovrebbero permettere di migliorarne la sostenibilità ecologica. Oggi alcune scuole sono delle vere e proprie spugne energetiche: senza pannelli fotovoltaici, senza un’isolazione degna di questo nome, con elementi strutturali vetusti. Ci attendiamo ora che non si tentenni nel mettere in opera questo progetto e che si vada oltre ad esso, verso l’ammodernamento in senso ecosostenibile dell’intero parco immobiliare pubblico.

Per queste ed altre ragioni, il SISA sostiene attivamente gli “scioperi per il clima” in Ticino e nel resto della Svizzera. Già oggi al Liceo di Lugano 2 alcuni nostri militanti hanno affisso uno striscione di protesta contro l’assenza di chiare politiche per bloccare il riscaldamento climatico: ricordiamo che ancora lo scorso dicembre il Consiglio nazionale, nell’ambito del dibattito sulla legge sul CO2, aveva dimostrato la totale indifferenza della politica federale nei confronti di questa urgentissima questione. D’altra parte è in primis il padronato a respingere qualunque miglioramento su questo fronte, poiché una regolamentazione più stretta circa le emissioni inquinanti rischierebbe di ridurre i suoi profitti sul breve termine. Le giovani e i giovani oggi in formazione rappresentano le generazioni che più subiranno le nefaste conseguenze dei cambiamenti climatici. Meritiamo delle politiche più incisive a difesa del nostro futuro: l’immobilismo di una parte della gerontocratica politica federale deve finire! Il nostro futuro è più importante dei loro profitti!

Sportello per l’assistenza reclute del SISA: strumento di difesa contro gli abusi

Come ogni anno, il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA) torna ad offrire il proprio servizio di sostegno ai militi impegnati nella scuola reclute.

Il caso di Emmen, unito alle innumerevoli situazioni di abuso nelle caserme di Coira e Isone, mette in luce l’incapacità (se non del vero e proprio disinteresse) da parte degli alti funzionari dell’esercito nella prevenzione e nella gestione degli abusi. Contrariamente a quanto afferma lo Stato maggiore dell’esercito, gli abusi sono tutt’altro che casi isolati: all’interno delle forze armate vige infatti un clima nel quale gli atti di nonnismo trovano ampio spazio per essere compiuti senza alcuna ripercussione.

L’omertà e il facile insabbiamento dell’abuso di potere perpetrato nei ranghi dell’esercito rende necessario uno sportello indipendente dalle gerarchie militari per poter fornire un’assistenza efficace in difesa dei giovani coscritti. A questo scopo il sindacato studentesco offre la propria esperienza per aiutare i militi a denunciare l’eventuale abuso, a uscire il prima possibile dalla caserma e mostrare loro i passi fondamentali per passare all’unica reale alternativa al regime militare: il servizio civile.

Per denunciare un caso di abuso e/o di necessità d’assistenza per lasciare la caserma sono disponibili i seguenti numeri: 079 773 43 03; 078 634 33 25; 079 839 50 32; 079 374 68 80.

Per maggiori informazioni ci si può rivolgere al seguente sito: http://www.sisa-info.ch/sos-reclute

Obbligatorietà scolastica fino a 18 anni: ottima proposta, ma sufficiente?

Il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA) ha preso conoscenza con soddisfazione della proposta del Consigliere di Stato Manuele Bertoli, ripresa da una precedente interrogazione del deputato Massimiliano Ay (PC), con la quale manifesta la volontà di alzare l’obbligatorietà scolastica fino a 18 anni (al posto degli attuali 15 anni).

Da diverso tempo il sindacato studentesco denuncia la grave condizione di una crescente parte della popolazione giovanile che, priva di formazione, si ritrova catapultata in un circolo vizioso di disoccupazione, assistenza sociale e povertà dal quale difficilmente ci si riesce a sottrarre. Negli ultimi 5 anni i giovani in assistenza sono aumentati del 50% e tra di essi la maggioranza (il 60%) possiede unicamente la licenza di scuola media. Risulta dunque chiaro che è necessario agire a livello strutturale e modificare l’apparato educativo estendendo l’obbligatorietà scolastica, affinché più nessun giovane debba trovarsi in questa situazione.

Nel caso la proposta venisse concretizzata, rimangono tuttavia da parte nostra delle perplessità circa la sua reale efficacia. Non vi è infatti la garanzia che, una volta compiuto il diciottesimo anno di età, un giovane abbia conseguito un diploma di grado secondario. Se consideriamo che spesso coloro che non hanno alcuna formazione provengono da condizioni sociali indigenti e precarie in cui faticano a trovare il proprio percorso formativo (e a completarlo nei tempi ‘canonici’), risulta evidente che i giovani che davvero necessitano di un supporto, legislativo ed economico, non beneficerebbero di questa eventuale modifica. Come rileva lo stesso Consigliere di Stato, “l’età adolescenziale è un periodo complesso e delicato, perché contraddittorio e teso alla ricerca della propria identità e autonomia, non solo professionale”: un giovane che si trova nella suddetta situazione ha quindi comprensibilmente maggiori difficoltà nel conseguire un titolo di studio secondario entro i 18 anni.

In conclusione, il SISA ritiene perciò urgente implementare dei miglioramenti nel complesso del settore scolastico e delle assicurazioni sociali: estendendo l’obbligo scolastico fino all’ottenimento di un diploma di grado secondario superiore (diploma d’apprendistato o maturità) e soprattutto immettendo più risorse nell’istruzione sarà possibile porre un freno alle dinamiche odierne. Parallelamente a tutto ciò, è assolutamente necessario riformare i meccanismi in seno ai servizi di assistenza statali, al fine di sostenere i giovani anche nelle formazioni non direttamente professionalizzanti (che al momento non vengono sussidiate).

Nessun regalo natalizio a multinazionali e superricchi: NO alla RFFA!

Il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA) ha preso atto con soddisfazione del lancio del referendum contro la riforma fiscale e sul finanziamento dell’AVS (RFFA) approvata dal Parlamento federale lo scorso settembre. In continuità con le battaglie condotte dal sindacato studentesco contro la Riforma 3 dell’imposizione delle imprese (RIE3) e la riforma fiscale cantonale, anche in quest’occasione ribadiamo la nostra contrarietà ai nuovi ingenti sgravi fiscali a beneficio delle multinazionali e delle fasce più ricche della popolazione.

La RFFA non è altro che la “brutta copia” della RIE3, bocciata in votazione popolare nel febbraio dello scorso anno: sono infatti previste delle nuove super-deduzioni fiscali per le grandi aziende, che provocheranno – se confermate – degli importanti ammanchi nelle casse pubbliche (con le ben note conseguenze). Le perdite fiscali per Confederazione e Cantoni sono stimate a più di 2 miliardi di franchi, ma l’esperienza ci insegna che esse saranno ben maggiori: nel caso della Riforma 2 dell’imposizione delle imprese (approvata in votazione popolare nel 2008), il Consiglio federale aveva previsto un buco di 850 milioni, poi rivelatosi ammontare in realtà a circa 7 miliardi!

Le perdite per le casse pubbliche verrebbero inevitabilmente compensate con nuove riduzioni degli aiuti sociali e nuovi interventi atti a smantellare il servizio pubblico. Per gli studenti ticinesi, ciò significa che le recenti conquiste in materia di borse di studio potrebbero essere rimesse in discussione e che la scuola pubblica potrebbe essere nuovamente sottoposta a tagli dell’offerta formativa, aumenti delle rette, ecc. In poche parole, il regalo multimiliardario che il Governo vorrebbe mettere sotto l’albero ai superricchi del nostro paese si tradurrebbe in nuovi pesanti attacchi al diritto allo studio e al sistema scolastico del nostro Cantone.

Per queste ragioni, il SISA sostiene con convinzione il referendum contro la RFFA e invita tutte le cittadine e tutti i cittadini a non cedere al ricatto escogitato dal Consiglio federale (che vuole legare la questione fiscale a quella pensionistica, benché si tratti di due oggetti completamente differenti e le garanzie circa un rafforzamento dell’AVS siano assai deboli). È inaccettabile che a fronte della grave crisi sociale che colpisce le fasce popolari (specialmente in Ticino) si vadano a concedere dei costosissimi regali natalizi a chi non ne ha nessun bisogno: per garantire allo Stato le risorse necessarie a finanziare le prestazioni sociali e il servizio pubblico occorre firmare il referendum contro la RFFA e respingere alle urne questa iniqua riforma fiscale!

Scarica qui il formulario per il referendum! (File Pdf)

FA-Formulario-referendum-RFFA-10-firme

Giornate Autogestite 2019: proponi le attività del SISA!

Come ogni anno, il SISA ha preparato una lista di attività da proporre nelle varie scuole del Cantone: le Giornate Autogestite, nella nostra filosofia, costituiscono un momento privilegiato non solo per affrontare temi non previsti dai piani di studio, ma anche un’occasione irripetibile per discutere criticamente dei problemi della nostra scuola e della nostra società.

Siete quindi tutte/i invitate/i a consultare la seguente lista e a proporre tutte le attività che vi interessano nella vostra scuola!


Conferenze

Titolo Le lotte dei lavoratori e la Federazione Sindacale Mondiale
Relatore Massimiliano Ay, membro dell’antenna svizzera della Federazione Sindacale Mondiale (FSM); Edoardo Cappelletti, membro dell’ufficio giuridico della FSM
Contatto maxarifay@gmail.com ; 079 374 68 80
Materiale Lettore DVD e beamer
Descrizione Nel 1945 viene costituita la Federazione Sindacale Mondiale (FSM), un’organizzazione internazionale che riunisce tutti i sindacati dei lavoratori attivi nei vari settori economici. I suoi obiettivi non erano solo la tutela dei diritti degli operai, ma anche quello di promuovere la pace. La guerra fredda era però dietro l’angolo e determinerà non solo la divisione del mondo, ma persino la fine dell’unità sindacale. Cosa è cambiato da allora? Come agisce oggi la FSM nell’ambito della globalizzazione e dei nuovi bisogni della società? come si muove la sua antenna svizzera?
Titolo Studenti in sciopero: storia, documenti e filmati
Relatore Massimiliano Ay, fondatore del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA) e autore del libro “Sindacalismo studentesco” (InfoGiovani, 2009)
Contatto maxarifay@gmail.com ; 079 374 68 80
Materiale Lettore DVD + lettore VHS e beamer
Descrizione Nel nostro Cantone gli studenti sono stati spesso protagonisti di lotte importanti: scioperi studenteschi, manifestazioni, occupazioni di scuole, assemblee, ecc. Conosciamo un po’ più da vicino – anche con l’ausilio di filmati – i movimenti studenteschi ticinesi dell’ultimo decennio (e oltre): le loro rivendicazioni, i loro metodi, le loro speranze e le loro conquiste. L’attività si propone anche di presentare e discutere sull’utilità per gli studenti di sviluppare un proprio sindacato (come i lavoratori).
Titolo La Scuola di Barbiana: un’esperienza educativa alternativa
Relatore Massimiliano Ay, fondatore del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA); Davide Rossi, docente e giornalista
Contatto maxarifay@gmail.com ; 079 374 68 80
Materiale Lettore DVD + lettore VHS e beamer
Descrizione La Scuola di Barbiana di don Milani (la cui esperienza è raccontata nel libro “Lettera a una professoressa”) era una scuola particolare, creata per accogliere i figli dei contadini caduti vittima della selezione. A Barbiana si creò una scuola senza voti e senza la paura degli espe, una “comunità auto-educante”. Don Milani era un prete scomodo, l’ideatore di una pedagogia alternativa, basata sulla libertà e sulla virtù di… disobbedire!
Titolo Ma questi “tagli”, cosa sono? Le politiche di risparmio nella scuola pubblica, in Ticino e altrove.
Relatore Zeno Casella, coordinatore del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA).
Contatto zenocas@bluemail.ch ; 079 839 50 32
Materiale Beamer
Descrizione Si sente spesso parlare di “tagli” nella scuola, pericolosi e da combattere: ma di cosa si tratta esattamente? In cosa consistono i risparmi effettuati nell’istruzione e quale evoluzione hanno seguito negli ultimi anni? Quali conseguenze causano per gli studenti e per la qualità della scuola? Discutiamone insieme, sulla base dagli ultimi incontrovertibili dati ufficiali forniti dal Cantone!
Titolo Le giornate autogestite che furono
Relatore Massimiliano Ay, organizzatore delle Giornate Autogestite al LiBe del 2001; Samuel Iembo, già membro della commissione organizzatrice delle GA alla SCC; Zeno Casella, già membro della commissione organizzatrice delle GA al LiLu2
Contatto maxarifay@gmail.com ; 079 374 68 80
Materiale Beamer e connessione internet (accesso a Youtube)
Descrizione È dal 1996 che in alcuni licei ci sono le giornate autogestite, un momento di libertà ma anche di responsabilizzazione. Come si sviluppa questo movimento e quali difficoltà ha dovuto superare per arrivare fino ad oggi? Attraverso aneddoti, documenti e filmati del passato cerchiamo di analizzare l’evoluzione dell’autogestione studentesca che negli ultimi anni è giunta anche alla SCC e al LiLu2.
Titolo Il ’68 in Ticino: sulle tracce della contestazione studentesca
Relatore Zeno Casella, studente di storia all’Università di Friborgo e coordinatore del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA)
Contatto zenocas@bluemail.ch ; 079 839 50 32
Materiale Beamer
Descrizione A cinquanta anni dagli avvenimenti dell’anno “cardine” del 1968, ritorniamo sulle tracce della contestazione studentesca in Ticino: una storia poco conosciuta, anche se certamente degna di nota. Attraverso le immagini e i documenti originali dell’epoca ripercorreremo le principali lotte studentesche ticinesi dal 1968 al 1977 (segnate da occupazioni, sgomberi di polizia, negoziazioni e cortei di protesta), discutendone le rivendicazioni, le forme d’organizzazione e i risultati.
Titolo Massificata e mercificata: come è cambiata la scuola
Relatore Zeno Casella, studente di storia all’Università di Friborgo e coordinatore del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA)
Contatto zenocas@bluemail.ch ; 079 839 50 32
Materiale Beamer
Descrizione A partire dalla fine della seconda guerra mondiale, l’istruzione nei paesi occidentali è stata oggetto di profondi e radicali mutamenti, che hanno determinato l’attuale impostazione dei sistemi scolastici europei. In particolare, si ripercorreranno i decenni successivi al secondo dopoguerra (durante i quali la scuola pubblica venne sostanzialmente ampliata e innovata, dando luogo alla “massificazione degli studi”) e quelli più recenti, dagli anni ’80 ai giorni nostri (dove il diritto allo studio è sempre più minacciato da austerità e privatizzazioni).

Film

Titolo Good Bye Lenin a Berlino Est
Relatore Massimiliano Ay, sindacalista FSM e Giulio Micheli, autore del libro “Il muro di Berlino: una frontiera archiviata troppo rapidamente?”
Contatto maxarifay@gmail.com ; 079 374 68 80
Materiale Lettore DVD e beamer (EVENTUALE: Rimborso per materiale didattico che sarà lasciato a ciascun partecipante: Fr. 50.–)
Descrizione Il film Good Bye Lenin (2003) ha avuto un grande successo ed è uno dei simboli della cosiddetta Ostalgie, una sorta di nostalgia collettiva per la ex-Germania dell’Est (DDR). Dopo una breve introduzione storica sulla DDR, il relatore presenterà il sistema scolastico e il rapporto dei giovani con il potere. Successivamente sarà proiettato il film a cui seguirà se desiderato dai partecipanti una discussione critica.
Titolo L’attimo fuggente (1989)
Relatore Zeno Casella, coordinatore del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA); Massimiliano Ay, fondatore del SISA
Contatto zenocas@bluemail.ch ; 079 839 50 32
Materiale Lettore DVD e beamer
Descrizione 1959: il professor John Keating inizia ad insegnare letteratura presso il grigio e restrittivo collegio maschile Welton, adottando un metodo d’insegnamento del tutto originale e entusiasmante, del tutto differente da quello dominante. Il film permette di sviluppare alcune interessanti riflessioni sull’atttuale modo di fare scuola e su come, se possibile, migliorarlo: di tutto questo si potrà discutere al termine della proiezione.
Titolo Sbatti il mostro in prima pagina (1972)
Relatore Janosch Schnider, studente di storia già coordinatore del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA).
Contatto janoschnider@gmail.com ; 076 232 75 16
Materiale Lettore DVD e beamer
Descrizione Milano, anni ’70: un omicidio a sfondo sessuale viene strumentalizzato politicamente dal quotidiano “Il Giornale”, che mira a screditare gli ambienti della sinistra durante il periodo elettorale. Un film di grande attualità, uno spunto per discutere della “neutralità” e dell’indipendenza dell’informazione (specialmente nell’era delle cosiddette “fake news” e della disinformazione di massa).
Titolo L’Uni è mia, “Falò” (2010)
Relatore Zeno Casella, coordinatore del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA).
Contatto zenocas@bluemail.ch ; 079 839 50 32
Materiale Computer e beamer
Descrizione Novembre 2009, numerose università svizzere sono occupate, gli studenti si mobilitano: le conseguenze della Riforma di Bologna, un processo di riorganizzazione del sistema universitario europeo, il crescente intervento dell’economia privata nell’istruzione pubblica e le condizioni di studio e di lavoro dei giovani laureati sono al centro delle rivendicazioni. Questo documentario permette di rintracciare le origini degli attuali problemi degli atenei elvetici, stretti tra la morsa di una crescente privatizzazione e di un’austerità che esclude gli studenti meno agiati dai percorsi scolastici più avanzati. Al termine del film seguirà una libera discussione su questi temi.
Titolo La scuola che venne dal freddo, “Falò” (2009)
Relatore Zeno Casella, coordinatore del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA).
Contatto zenocas@bluemail.ch ; 079 839 50 32
Materiale Computer e beamer
Descrizione La scuola finlandese è una scuola particolare: è interamente gratuita (anche le attività extrascolastiche e il materiale didattico), non si può essere bocciati, non esistono le note di valutazione, quasi nessun compito a casa, ecc. “Impensabile alle nostre latitudini” direbbero in parecchi: eppure anche un équipe del DECS si è aggiunta ai numerosi gruppi di studio che si recano in Finlandia per approfondirne il sistema scolastico e lo stesso progetto “La scuola che verrà” è stato presentato come una variante ticinese dello stesso modello educativo. Questo documentario di Falò ci permette di meglio conoscere questa particolare realtà e di discutere della direzione in cui sta andando la scuola ticinese.
Titolo We want sex (2010)
Relatore Zeno Casella, studente di storia all’Università di Friborgo e coordinatore del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA).
Contatto zenocas@bluemail.ch ; 079 839 50 32
Materiale Computer e beamer
Descrizione Ispirato a fatti realmente accaduti, il film racconta lo sciopero del 1968 di 187 operaie alle macchine da cucire della Ford di Dagenham (Londra). Costrette a lavorare in condizioni precarie per molte ore e a discapito delle loro vite familiari, le donne, guidate da Rita O’Grady, protestarono contro la discriminazione sessuale e per la parità di retribuzione. Pagate come operaie non qualificate, le lavoratrici attuarono uno sciopero che riuscì ad attirare l’attenzione dei sindacati e della collettività, trovando infine l’appoggio del ministro Barbara Castle, pronta a lottare con loro contro una legge iniqua e obsoleta. A 50 anni di distanza dagli avvenimenti narrati dal film, è ancora estremamente utile conoscere la battaglia di queste operaie inglesi: su temi quali le disuguaglianze di genere, l’utilizzo dello sciopero come mezzo di conquista e difesa dei diritti, il ruolo del sindacato, ecc. possono fornirci alcuni attuali e preziosi spunti di discussione.

 

Per una cultura accessibile, autodeterminata e di prossimità

Risoluzione dell’Assemblea generale del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA) del 24 novembre 2018 (scarica pdf)


“Tutti i giovani dovrebbero essere uguali dinanzi alla cultura.” (Antonio Gramsci)

Il rapporto tra cultura e giovani non è una relazione equa: nella storia recente i giovani sono stati vittime inermi di un sistema culturale che sopprime ogni desiderio di emancipazione e libertà artistica. L’attuale sistema economico favorisce le attività aggregative che fruttano profitti, aprendo il campo ad attività commerciali che non hanno alcun interesse nello sviluppo di una cultura giovanile e dell’individuo stesso. In questo contesto le tanto decantate libertà individuali, parlando di cultura, valgono solo per le attività economiche, le quali, basate sul mero tornaconto personale, di fatto soffocano qualsiasi tentativo di creazione di cultura sociale e dal basso. Ciò che ne risulta è un panorama artistico-culturale atomizzato e vittima dell’ideologia neoliberale, dove le singole unità disgregate si devono adattare all’industria culturale per poter sopravvivere, snaturando perciò la maggior parte degli elementi originali e rivoluzionari della propria arte.

È chiaro che coloro che possono accedere e beneficiare della cultura in senso largo, sono gli individui provenienti dai ceti abbienti, che dispongono di tempo e denaro sufficienti a potersi dedicare all’arte, alla musica, alla letteratura. Risulta perciò evidente che il rapporto tra possibilità materiali e potenzialità creative è alla base delle ingiustizie celate dietro la cultura, che favorisce solo una piccola fetta della popolazione giovanile, relegando la parte restante alla banalità dell’industria dell’intrattenimento.

Il contesto socioeconomico odierno non garantisce al giovane di potersi muovere liberamente nel panorama artistico-culturale: la situazione finanziaria sempre più precaria di molte famiglie, dove all’aumento dei costi della vita non corrisponde un aumento dei salari, aumenta le difficoltà di acquisto dei mezzi materiali necessari per poter accedere alla cultura ed esserne parte attiva e creativa. Ne deriva perciò una generale sfiducia verso le proprie capacità e le possibilità di cambiare lo scenario attuale, dove lo scoraggiamento è incentivato dalla difficoltà di trovare i mezzi finanziari necessari per poter costruire un proprio progetto culturale, che può spaziare da attività con sfondo sociale-aggregativo fino a giungere ad attività propriamente artistiche.

Dal clima generale di sconforto – dove l’impossibilità di essere parte ideativa della cultura, provoca un forte senso di smarrimento – un giovane viene facilmente assorbito nelle pratiche consumistiche della società odierna, aderendo a questa forma capitalistica della cultura e perdendo progressivamente la cognizione critica sulla propria esistenza. Questa dinamica intralcia una presa di coscienza collettiva e la costruzione di un fronte in grado di difendere i propri diritti contro gli attacchi della classe politica borghese che, al fine di poter costruire le solide basi della propria dominazione politica e culturale, persegue la frammentazione sociale dei giovani e lo smarrimento identitario e culturale della società. La stessa classe politica borghese è responsabile della precarizzazione degli studi e degli attacchi al diritto allo studio: il discorso fin qua espresso va quindi inserito nel più ampio discorso di critica sociale proposto dal nostro sindacato.

Per questi motivi, l’Assemblea generale del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti, riunitasi il 24 novembre 2018 a Solduno, stabilisce di voler agire contro la tendenza appena espressa, affinché le condizioni di accesso e di creazione della cultura non siano prerogativa dei più ricchi, bensì di tutti i giovani. In questo senso, vengono identificati tre assi d’azione fondamentali: l’accessibilità alla cultura, l’autodeterminazione della cultura e la prossimità alla cultura.

L’accessibilità alla cultura deve essere perseguita attraverso i seguenti interventi:

  • Ampliamento e aumento degli sconti concessi dalla carta ioStudio per l’accesso ai luoghi di cultura
  • Promozione della lettura tramite una riduzione generale dei prezzi dei libri per i giovani in formazione.
  • Generalizzazione dei doposcuola gratuiti nelle scuole obbligatorie, in cui poter praticare delle attività sociali, culturali e artistiche.

L’autodeterminazione della cultura mira a ridurre le barriere economiche che impediscono ai giovani di costruire da sè il proprio percorso artistico e culturale. In tal senso si propongono questi interventi:

  • Copertura cantonale della totalità dei costi di progetti culturali e Centri giovanili secondo il principio della Legge Giovani (al momento copre unicamente il 50%), in modo da limitare la discriminazione di cui sono vittima le regioni periferiche e i comuni finanziariamente deboli. (Ciò non deve tuttavia tradursi in una limitazione dell’autonomia dei Centri già esistenti)
  • Presenza omogenea, garantita dal Cantone, di Centri giovanili sul territorio, seguendo un criterio di proporzionalità tra popolazione giovanile e numero di Centri esistenti.
  • Accesso gratuito a spazi scolastici e pubblici per tutte le associazioni giovanili.
  • Inserimento del diritto alle giornate autogestite nella Legge della Scuola, in modo da alimentare la creazione autonoma di cultura nelle scuole di grado secondario (anche in quelle professionali).
  • Promozione da parte del Cantone di una rete di “Case della cultura”, in cui vi sia la possibilità di accedere agli spazi e al materiale necessario alle attività culturali e artistiche: atelier, studi di registrazione, sala prove, … (senza ostacolare però i Centri alternativi e autogestiti preesistenti).
  • Messa in rete delle strutture e delle iniziative culturali già esistenti.

Infine, per migliorare la prossimità alla cultura, il sindacato propone:

  • Creazione di combinazioni tariffarie che uniscano il trasporto pubblico all’accesso alle manifestazioni culturali, ad un prezzo accessibile ai giovani in formazione.
  • Istituzione di una “Casa dello studente” per gli allievi del grado secondario superiore a Lugano e a Locarno, sul modello di quella già esistente a Bellinzona.

Solduno, 24 novembre 2018.