Critica sociale, stages non pagati e accesso alla cultura al centro dei lavori dell’assemblea del SISA

Sabato 24 novembre il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA) si è riunito in assemblea generale a Locarno (guarda qui le foto della giornata) per rinnovare gli organi statutari, discutere dei più pressanti problemi dei giovani ticinesi e pianificare la strategia da adottare per rafforzare la lotta in difesa dei diritti dei giovani.

Benché negli ultimi anni il SISA sia riuscito a rafforzare la propria struttura e a coinvolgere numerose/i nuove/i militanti, l’offensiva condotta ai danni della scuola pubblica e del diritto allo studio e al lavoro non accenna a diminuire: si impone quindi una riflessione sulla capacità del sindacato studentesco di mobilitare i giovani in difesa dei propri diritti. La deideologizzazione e l’individualismo in crescita nel mondo occidentale non favoriscono certo la discussione e la lotta collettive, tuttavia alcuni spazi di dibattito ancora esistenti nelle scuole potranno essere valorizzati in tal senso. Oltre a ciò, un’attenzione particolare verrà data alla formazione dei militanti sindacali, tassello fondamentale per il radicamento e la crescita del sindacato stesso.

L’assemblea generale del SISA si è chinata sulle problematiche lavorative molto diffuse nelle scuole professionali (in cui lo sfruttamento e l’assenza di diritti sono all’ordine del giorno, anche presso certi enti pubblici dove alcuni stages vengono pagati la miseria di 200 CHF al mese!), che verranno tenute sotto stretta osservazione e approfondite nei prossimi mesi. Oltre a ciò, è stata approvata una risoluzione in favore di una cultura giovanile “accessibile, autodeterminata e di prossimità” (leggi qui): a fronte di un panorama culturale parcellizzato e prevalentemente orientato al profitto, per i giovani ticinesi è divenuto estremamente difficile coltivare i propri interessi. Per questo si rivendica l’aumento degli sconti per l’accesso a manifestazioni culturali e l’acquisto di libri, una maggiore promozione da parte del Cantone di centri giovanili e spazi culturali autogestiti sul territorio, l’istituzione di una seconda Casa dello studente a Lugano e di nuove combinazioni tariffarie per il trasporto pubblico che incentivino l’accesso alla cultura.

La segreteria del SISA per l’anno scolastico 2018-2019. Da sinistra: Rudi Alves (LiLu2), coordinatore; Mattia Passardi (LiLu2), cassiere; Tamara Vizzardi (CSIA); Zeno Casella (UniFr), coordinatore.

La segreteria del SISA si è inoltre rinnovata con l’elezione di Tamara Vizzardi, studente al CSIA, che va ad affiancare i rieletti coordinatori Rudi Alves (studente al LiLu2) e Zeno Casella (studente all’università di Friborgo) e il cassiere Mattia Passardi (studente al LiLu2).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *