Agenda

Feb
12
dom
4 x NO ai tagli sociali e alla Riforma 3 dell’imposizione delle imprese!
Feb 12 giorno intero
4 x NO ai tagli sociali e alla Riforma 3 dell'imposizione delle imprese!

Il 12 febbraio saremo chiamati a votare sui nuovi tagli sociali approvati dal Granconsiglio cantonale e sulla Riforma 3 della fiscalità delle imprese: l’ennesima truffa ai danni della popolazione!

Se vogliamo evitare nuova austerity, nuovi pacchetti di risparmio, nuovi tagli, occorre respingere nelle urne queste riforme antisociali che non farebbero altro che aggravare la situazione delle fasce più deboli della popolazione!

Leggi di più in merito alla posizione del SISA!

Un NO alla riforma fiscale per assicurare un futuro alla nostra scuola!

Feb
18
sab
“La scuola, che sarà?” @ Casa Gaby
Feb 18@14:00–17:00

“Equa, inclusiva e di qualità”: così dovrebbe essere la scuola del futuro secondo Manuele Bertoli e i suoi fedeli al DECS. Ma siamo davvero certi che sarà questo il risultato delle riforme promosse dal ministro socialista? E soprattutto, crediamo davvero che siano questi i principi a cui si ispireranno Governo e Parlamento quando verranno chiamati a tradurre in realtà il progetto elaborato dal Dipartimento?

Per sbrogliare la matassa di questo complesso garbuglio che è il processo di riforma della scuola dell’obbligo ticinese, il SISA organizza una giornata di studio aperta a tutti gli interessati.

A partire dai due assi riformatori (il nuovo “Piano di studi della scuola dell’obbligo” e il progetto “La scuola che verrà”), esamineremo e discuteremo insieme i principali punti critici dei piani elaborati dal DECS. In particolare, ci soffermeremo sui seguenti aspetti:

  1. L’approccio per competenze: rivoluzione progressista in ambito pedagogico o applicazione delle direttive del padronato?
  2. La valutazione e la “cartella dell’allievo”: al servizio dell’allievo o del datore di lavoro?
  3. Eterogeneità e differenziazione pedagogica: eredità dei sistemi scolastici nordici o strumento di ulteriore selezione sociale?
  4. Autonomia d’istituto: promozione di un ambiente comunitario o pericolosa aziendalizzazione del sistema scolastico?

A partire dagli interventi dei relatori, cercheremo di mettere a fuoco questi interrogativi e discuteremo, tra le altre cose, della strategia da mettere in campo per evitare che questa opportunità si trasformi in un massacro del diritto allo studio.

   Vai all’evento Facebook!

Leggi di più qui sulla posizione attuale del SISA in merito alle riforme scolastiche attualmente in fase di discussione e di applicazione.

Guarda le foto della conferenza:

“La scuola, che sarà?” – Gallery

Apr
13
gio
Consegna della petizione “NO allo smantellamento del liceo!”
Apr 13@16:00–16:30
Consegna della petizione "NO allo smantellamento del liceo!"

 

La campagna concernente la petizione “NO allo smantellamento del liceo” ci ha occupato per diverso tempo: abbiamo girato per scuole, mercati, ecc. e abbiamo raccolto più di 800 firme contro le misure repressive messe in campo dal DECS per tagliare fuori dagli studi superiori una fetta consistente della popolazione ticinese.

È ora giunto il momento di consegnare le firme raccolte e di spingere così il Dipartimento e il Consiglio di Stato a rivedere la loro politica scolastica orientata alla “responsabilizzazione” di studenti e famiglie (ovvero, alla messa fuori gioco di coloro che non hanno le risorse – finanziarie, culturali, ecc. – per tenere il passo con i propri compagni più privilegiati).

In seguito alla consegna dei formulari alla Cancelleria dello Stato, verrà organizzata una simpatica bicchierata aperta a tutti i simpatizzanti: vi aspettiamo numerose/i!

Apr
14
ven
Anche oggi si lavora domani… – Giornata di studio su giovani e mercato del lavoro @ Casa Gaby
Apr 14@14:00–16:00
Anche oggi si lavora domani... - Giornata di studio su giovani e mercato del lavoro @ Casa Gaby

Disoccupazione giovanile che sfiora il 20%, fuga di cervelli verso i Cantoni d’Oltralpe, stage precari e malpagati…

Trovare un impiego dignitoso sembra essere sempre più difficile per i giovani ticinesi, confrontati con un mercato del lavoro ipercompetitivo e spietato con chi non ha sufficiente esperienza per non farsi fregare.

In vista della festa dei lavoratori del 1° maggio, il SISA organizza una giornata di studio per discutere insieme di queste problematiche, per ascoltare delle testimonianze, per trovare delle soluzioni ai problemi occupazionali dei giovani in Ticino: non mancate!

Mag
1
lun
1° maggio 2017 – Il SISA al fianco dei lavoratori!
Mag 1 giorno intero
1° maggio 2017 - Il SISA al fianco dei lavoratori!

Come ogni anno, il SISA parteciperà alla manifestazione per la Festa dei lavoratori del 1° maggio, sostenendo la lotta contro il degrado del mercato del lavoro in Ticino e in Svizzera.

Quest’anno vogliamo riportare l’attenzione sui gravi problemi che devono affrontare i giovani al momento della loro entrata nel mondo del lavoro: disoccupazione giovanile in crescita, paghe da fame, precarietà, sono solo alcuni dei fenomeni che rendono sempre più difficile la vita dei giovani ticinesi.

Il 1° maggio scendiamo quindi in piazza per rivendicare migliori condizioni salariali e di lavoro, maggiori tutele per i giovani lavoratori e meno precarietà per tutti i lavoratori!

Al termine del corteo, verrà organizzata una grigliata aperta ad ogni interessata/o: vi aspettiamo!

Mag
5
ven
Consegna delle petizioni contro la riduzione dell’offerta ferroviaria verso Oltregottardo @ Cancelleria dello Stato
Mag 5@16:00–16:30
Consegna delle petizioni contro la riduzione dell'offerta ferroviaria verso Oltregottardo @ Cancelleria dello Stato

Il nuovo piano orario introdotto dalle FFS e dalle FART in seguito all’apertura della galleria di base di Alptransit si è rivelato non essere  per nulla vantaggioso per le studentesse e gli studenti ticinesi che si recano settimanalmente Oltralpe per i propri studi.

Le numerosissime firme raccolte dal SISA e da alcuni studenti del Locarnese hanno dimostrato il malessere vissuto dai giovani ticinesi a causa di questa paradossale situazione: è ora di portare la lotta ad un altro livello! Consegnando le firme alla Cancelleria dello Stato, il Granconsiglio sarà chiamato ad esprimersi sulla questione, e non si potrà più nascondere la testa sotto la sabbia come fatto finora da buona parte della classe politica!

Siete quindi tutte e tutti invitate/i alla consegna delle firme delle due petizioni “Manteniamo il treno delle 19.10!” e “Mantenere la qualità attuale dell’offerta ferroviaria sulla linea Locarno-Domodossola”, per dare un segnale ancora più forte alle autorità cantonali e alle direzioni aziendali di FFS e FART!

In seguito alla consegna, verrà organizzata una piccola bicchierata in piazza: siete tutte/i le/i benvenute/i!

Mag
20
sab
Festone di fine anno del SISA
Mag 20@21:30
Festone di fine anno del SISA

 

Visto l’avvicinarsi della fine dell’anno scolastico, il SISA organizza una festa per iniziare a respirare un po’ d’atmosfera estiva… Chi l’ha detto che sappiamo solo parlare di politica e di lotte sociali?

Al momento è ancora tutto in fase do organizzazione, ma a breve riceverete più dettagli.

Per ora possiamo dirvi che la festa sarà aperta a chiunque voglia parteciparvi, che avremo un DJ set strepitoso e che…varrà la pena venire a fare un salto!

Stay tuned!

Giu
17
sab
“Una scuola che seleziona, distrugge la cultura”: l’insegnamento di Don Milani, a 50 anni dalla morte
Giu 17@14:00–16:00
"Una scuola che seleziona, distrugge la cultura": l'insegnamento di Don Milani, a 50 anni dalla morte

Nel 1967 veniva pubblicato il libro “Lettera a una professoressa” e moriva Don Lorenzo Milani, prete e insegnante che rivoluzionò la concezione della questione sociale nella scuola (Leggi qui una breve biografia).

“La scuola ha un problema solo. I ragazzi che perde. La vostra “scuola  dell’obbligo” ne perde per strada 462.000 l’anno. A questo punto gli unici incompetenti di scuola siete voi (insegnanti) che li perdete e non tornate a cercarli.”

Le parole di questo sacerdote “esiliato” dalla Chiesa in una piccola parrocchia di montagna, a Barbiana, risuonano ancora ai nostri giorni cariche di un messaggio chiaro e rivoluzionario: che la scuola non sia un luogo di riproduzione sociale, bensì di solidarietà e di diffusione della cultura nelle masse.

“La scuola […] è l’arte delicata di condurre i ragazzi su un filo di rasoio: da un lato formare in loro il senso della legalità (e in questo somiglia alla vostra funzione), dall’altro la volontà di leggi migliori cioè di senso politico (e in questo si differenzia dalla vostra funzione.”

Per ricordare e riaffermare la validità del suo insegnamento, il SISA vi invita a questa discussione pubblica, nella quale sarà anche possibile affrontarne l’attualità: vi aspettiamo numerosi!

Dettagli su luogo e orario verranno comunicati in seguito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Essere istruiti è il solo modo per essere liberi. (José Martì)