LiLu2: per discutere ci sono le sedi opportune? Magari!

La nota stampa diffusa venerdì dall’onorevole Bertoli porta il Sindacato Indipendente Studenti e Apprendisti (SISA) ad esprimersi nuovamente sulla questione del docente sotto accusa al LiLu2: ci lascia stupiti l’appello alla calma e alla discrezione formulato dal ministro dell’educazione, dal momento che si è giunti a tale tensione proprio a causa delle modalità d’azione del DECS e dei suoi rappresentanti. La direzione del LiLu2 non ha infatti certamente agito in modo da attenuare gli attriti e promuovere il dialogo tra le parti: la denuncia per diffamazione lanciata ai danni del docente appare come un vero e proprio tentativo di censura e di intimidazione, dal momento che le accuse da esso lanciate andavano proprio a criticare la condotta del Consiglio di direzione (al quale sono imputabili vari altri casi simili, mai giunti alle orecchie dei media).

Siamo inoltre quantomeno perplessi di fronte alle affermazioni del consigliere di Stato, il quale sostiene che “per discutere ci sono le sedi opportune”: magari ci fossero! Come abbiamo già avuto modo di rimarcare infatti le Assemblee studentesche non hanno alcun potere effettivo e non vengono minimamente considerate quando si tratta di questioni “da adulti”: concordiamo sul concetto di riservatezza in merito a particolari vicende personali, ma non tolleriamo l’estromissione dell’Assemblea dalle discussioni (e dalle decisioni!) in merito all’operato della direzione e alle principali problematiche della vita d’istituto.

Rimarchiamo inoltre come, coerentemente con il progetto della “scuola che verrà”, il DECS stia promuovendo (purtroppo non solo nella scuola obbligatoria) una maggiore autonomia d’istituto, secondo la logica della “libera concorrenza” tra istituti sancita dal concordato HarmoS. Tuttavia vediamo ora come tale autonomia venga messa in atto con forme e metodi organizzativi di stampo autoritario, dal momento che agli organi di conduzione, e in particolare al Consiglio di direzione, vengono affidati compiti di carattere sempre più “manageriale”: ad esso compete ormai direttamente la gestione del personale, trasferibile a piacimento, e di vari altri aspetti organizzativi di non trascurabile rilevanza (quali la gestione del budget, dei corsi e delle attività didattiche, ecc.). Ci chiediamo se Bertoli si stia rifacendo al modello di riforma scolastica italiano, la cosiddetta “Buona scuola” di Renzi, nel togliere potere alle istanze democratiche della scuola e nel conferire sempre maggiori poteri all’organo direttivo (il quale potrebbe a questo punto venir chiamato, perché no, Consiglio di amministrazione)…


Il SISA condanna con determinazione tale deriva mercantilista, causa di gravi violazioni dei diritti degli studenti (e in futuro probabilmente anche dei lavoratori) e dell’adozione di atteggiamenti autoritari da parte degli organi direttivi, e rivendica una scuola che sia amministrata con la massima partecipazione democratica delle sue componenti e con una una ampia condivisione di diritti e responsabilità tra di esse. Le scuole non possono essere considerate semplici stabilimenti industriali indipendenti, bensì come parti interconnesse di un vasto apparato di diffusione democratica del sapere e della responsabilità civile.

 

Un pensiero su “LiLu2: per discutere ci sono le sedi opportune? Magari!”

  1. The next time I read a weblog, I hope that it doesnt disappoint me as a lot as this one. I imply, I know it was my option to read, but I actually thought youd have one thing attention-grabbing to say. All I hear is a bunch of whining about one thing that you could repair if you happen to werent too busy looking for attention.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *